Stampa Fine Art ai sali d’argento in digitale

Oggi che la fotografia è principalmente digitale, sentire parlare di stampa ai sali d’argento (Silver Gelatin Print) non è molto frequente. Però non tutti sanno che la stampa chimica in bianco e nero su carta fotosensibile è possibile anche partendo da un file digitale. È un servizio offerto da alcuni laboratori di stampa fotografica Fine Art: che possiedono i macchinari addatti, l’esperienza e la dedizione necessarie, ma le stampe sono indistinguibili da quelle ottenute tradizionalmente in camera oscura.

Center Chrome, è uno dei laboratori specializzati in questo tipo di lavorazione ed è grazie alla loro disponibilità che ho potuto realizzare una serie di video dedicati alla scansione high end di pellicole e alla stampa chimica si sali d’argento.

Dallo scatto alla stampa ai sali d’argento

Il percorso raccontato nella serie di video che trovate in questa pagina è iniziato da uno scatto che ho realizzato con una Olympus OM10 e un obiettivo Zuiko 35 mm f/2,8 (fotocamera e ottica anni ’70).

La pellicola in bianco e nero utilizzata è una ILFORD FP4 PLUS 125 (formato 35 mm) acquisita con uno scanner a tamburo.

Il negativo digitalizzato (ma sarebbe stato possibile partire anche dal file di una fotocamera digitale) è stato postprodotto utilizzando Adobe Photoshop e inviato a un ingranditore digitale Durst Lambda che ha impressionato la carta fotosensibile ILFORD Baryta. La carta è stata poi sviluppata e fissata con chimici ILFORD, lavata a mano e stesa ad asciugare.

Nei video qui sotto potete vedere le fasi del procedimento.

CONDIVIDI

Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE