DxO Nik Collection 6: il cerchio si chiude

La Nik Collection 6 è una raccolta di software che migliora e semplifica la postproduzione fotografica. È composta da 8 applicazioni: potenti strumenti sia tecnici sia creativi per intervenire sul colore, sulle tonalità, per raffinate conversioni in bianco e nero, per correggere la prospettiva, per migliorare la nitidezza e per molto altro ancora.

pannello Nik Collection
Come si presenta il pannello della Nik Collection 6 dentro Photoshop. (Bordo rosso aggiunto per evidenziarlo)

Le origini della Nik Collection

La Nik Collection venne creata dalla Nik Software e si fece apprezzare fin da subito come prodotto originale, innovativo ed estremamente versatile e potente. Nel 2012 fu acquistata da Google che però era interessata a sfruttarne la tecnologia per sviluppare Snapseed, la nota applicazione mobile per postproduzione ed elaborazione fotografica.

Google, infatti, nel maggio del 2017, dopo aver estrapolato tutto ciò di cui aveva bisogno dai software della Nik rese la Collection gratuita ma annunciò anche che non ne avrebbe continuato lo sviluppo e l’adeguamento, fondamentali per mantenerla compatibile e al passo con i tempi. Questa notizia preoccupò molto la comunità dei fotografi, fu forse qualcosa di paragonabile all’annuncio di Kodak di smettere di produrre la pellicola Tri-X o a quello di Fujifilm di dismettere la Velvia 50 (decisioni entrambe ritrattate).

L’annuncio di Google portò a un’immediata mobilitazione e venne indetta una petizione per chiedere di salvare la Nik Collection.

Nik Collection - Petizione

2017: quando tutto cambiò

Dopo alcuni mesi, nell’ottobre del 2017, Google e DxO raggiungono un accordo e la Nik Collection passa nelle mani di quest’ultima. Fu un passo importante che permise di tirare un sospiro di sollievo perché la DxO aveva tutto l’interesse continuare a sviluppare la suite. Si trattava però solamente dell’inizio di un lungo percorso.

Dal 2017 la DxO Nik Collection è stata sempre utilizzabile e il piano di distribuzione e supporto non ha mai subito interruzioni, ma per la software house francese (DxO) fu chiaro da subito che il perfezionamento del progetto Nik Collection avrebbe richiesto tempo. Infatti, parlare di perfezionamento è riduttivo: doveva iniziare un rebuilding from scratch, ossia ripartire da zero.

La Nik Collection ottenuta da Google andava completamente riprogettata, il codice doveva essere analizzato e riscritto affinché potesse essere compatibile con i nuovi sistemi hardware e gli ambienti software più recenti e rimanesse aggiornabile nel tempo.

Per portare a termine l’operazione sono serviti sei anni, ma adesso è stata rilasciata la Nik Collection 6.3. La release di agosto 2023 è la prima versione interamente scritta da DxO con il nuovo codice. Tutti gli 8 plugin che la compongono sono stati aggiornati e condividono una nuova interfaccia unificata.

Funzionamento, integrazione, installazione

Funzionamento e integrazione

La Nik Collection 6 può essere usata come una suite di programmi autonomi (stand alone) oppure come plugin che si integrano con alcuni dei più noti software di editing d’immagine: Adobe Photoshop, Adobe Lightroom, Affinity Photo e, ovviamente, DxO Photolab.

Uso da molti anni la Nik Collection e mi piace il modo in cui si inserisce in un flusso di lavoro esistente. Il mio normale workflow consiste nello sviluppare i file RAW in DxO PhotoLab, dopo di che esporto dei TIFF da continuare a postprodurre o finalizzare in Adobe Photoshop. Ed è proprio da Photoshop che richiamo i plugin della Nik Collection.

La Nik Collection, all’interno di Photoshop, si presenta come un pannello mobile con le scorciatoie ai vari programmi. Se non vogliamo tenere aperto questo pannello possiamo accedere alle applicazioni dal menu Filtro>Nik Collection 6.

Per richiamare le applicazioni della suite in PhotoLab è invece previsto un pulsante nell’interfaccia di sviluppo.

Bottone Nik Collection dentro DxO Photoab
Bottone Nik Collection dentro DxO PhotoLab

Installazione

L’installazione segue le stesse modalità di un qualsiasi programma ossia tramite un installer disponibile sia per Windows sia per MacOs. Dopo l’avvio della procedura, verranno identificati i software compatibili presenti nell’hard disk dell’elaboratore e si integrerà con essi. L’integrazione automatica con Affinity Photo è una delle novità introdotte nella versione 6.

Applicazioni che compongono Nik Collection 6

Le 8 applicazioni che compongono Nik Collection 6 sono:

  • Nik Color Efex
  • Nik Silver Efex
  • Nik Analog Efex
  • Nik Viveza
  • Nik Dfine
  • Nik Perspective
  • Nik HDR Efex
  • Nik Sharpener

Nik Color Efex serve per intervenire su colore, tonalità, contrasto e microcontrasto, viraggio… Propone molti preset ma lascia anche la massima libertà di agire sulle varie regolazioni.

Nik Color Efex
Nik Color Efex

Nik Silver Efex è una soluzione avanzata per convertire ed elaborare le immagini in bianco e nero. L’approccio è ispirato alla camera oscura e la trovo l’applicazione al momento più valida sul mercato per convertire e trattare le immagini in scala di grigi.

Nik Silver Efex
Nik Silver Efex

Nik Analog Efex permette di dare un look rétro alle immagini, anche emulando tecniche antiche come la cattura su lastra di vetro. Include molti preset e una serie di strumenti per “assemblare” la propria macchina fotografica d’altri tempi.

Nik Analog Efex
Nik Analog Efex

Nik Viveza è uno strumento per intervenire su colori e tonalità.

Nik Dfine si occupa della riduzione del rumore.

Nik Perspective serve a correggere prospettiva e distorsioni.

Nik HDR Efex è lo strumento per creare immagini HDR (High Dynamic Range, a gamma dinamica estesa). Permette di combinare esposizioni diverse di una stessa foto per aumentarne la gamma dinamica. Questo plugin ha due componenti: una lavora partendo dalla combinazione di esposizioni multiple e l’altra da una singola immagine.

Nik Collection 6 - HDR Efex - Merge
A sinistra (1) il pannello per richiamare le applicazioni della Nik Collection 6 da Photoshop. Cliccando su HDR EFEX Merge – Multiple Exposures si apre l’interfaccia per selezionare i file da combinare (2)

Nik Sharpener serve a ottimizzare e gestire la nitidezza. Analogamente a HDR Efex, anche questo plugin ha due componenti: Presharpener, per “ripristinare” la nitidezza degli scatti in RAW prima di iniziare la postproduzione; Sharpen Output che si utilizza in fase di finalizzazione/esportazione dell’immagine (sono anche presenti profili preimpostati da selezionare in base alla destinazione d’uso: web, stampa, ibrido).

Nik Silver Efex + Nik Color Efex + Nik Analog Efex
Nik Silver Efex + Nik Color Efex + Nik Analog Efex

Novità introdotte nella Nik Collection 6

Alcune novità della Nik Collection 6 riguardano tutte le applicazioni, altre sono specifiche per le singole componenti.

Novità generali

Punti e linee di controllo: regolazioni locali selettive e gradienti

U Point

Gli U POINT sono una peculiarità della Nik Collection. La tecnologia U Point consiste in punti di controllo intelligenti da utilizzare per interventi locali. Nella Nik Collection 6 questi strumenti di controllo selettivi sono stati ulteriormente raffinati. Nello specifico:

  1. La gestione delle regolazioni locali è diventata ancora più precisa: grazie a tre slider, Diffusion, Luminance e Chrominance, è possibile definire con maggiore accuratezza l’area interessata dai singoli punti di regolazione.
U Point e nuovi slider di regolazione
U Point e nuovi slider di regolazione (cliccare per ingrandire)

Diffusion ridefinisce il modo in cui la portata delle regolazioni viene applicata all’interno del cerchio (centrato su uno U Point) che delimita l’area di intervento locale.
Luminance e Chrominance sono due controlli selettivi per impostare la tolleranza tonale e cromatica delle aree interessate dall’intervento. È stata aggiunta anche l’opzione per invertire l’area oggetto della regolazione.

  1. Si possono rinominare i singoli punti in modo da semplificare la gestione di elaborazioni complesse.

Linee di controllo

Nella Nik Collection 6 ai punti si aggiungono le linee di controllo. Le linee di controllo permettono di delimitare l’area interessata dalle regolazioni e sfruttano i gradienti per dosarne l’intensità.

Una coppia di rette parallele, con angolazione e distanza reciproca regolabili, suddivide l’immagine in tre sezioni: una compresa tra le rette e due esterne a esse. Una delle sezioni esterne è caratterizzata da opacità al 100%: in quest’area le regolazioni verranno applicate alla massima intensità. Nell’altra sezione esterna l’opacità sarà pari a zero quindi le regolazioni non avranno effetto. L’intensità delle regolazioni nell’area compresa tra le due rette passerà, gradualmente, da quella massima (opacità 100%) a zero.

Le rette e il gradiente definiscono l’estensione dell’area di intervento e la distribuzione dell’intensità dello stesso, ma sarà attraverso lo strumento contagocce che selezioneremo la zona-campione su cui intervenire. Con gli slider luminance e chrominance imposteremo poi la tolleranza con la quale estendere le regolazioni, ovvero quanto le aree interessate dalle modifiche dovranno essere simili a quella selezionata con il contagocce.

Le linee di controllo sono uno strumento nuovo che aumenta l’efficacia e la precisione di alcuni interventi, riducendo inoltre i tempi per effettuarli. Affiancandosi agli U Point rendono ancora più versatili gli interventi locali

Nel video che parla delle novità introdotte nella Nik Collection 6 trovate una dimostrazione pratica.

Linee di controllo. Nel cerchio bordato di rosso il contagocce
Linee di controllo. Nel cerchio bordato di rosso il contagocce (cliccare per ingrandire)

Compatibilità

  • La Nik Collection 6 è compatibile con le nuove architetture Apple Silicon.

Pannello Ultime modifiche (Last Edits)

L’interfaccia si arricchisce di un nuovo pannello: Last Edits (ultime modifiche). Le modifiche che apportiamo vengono salvate automaticamente come preset “effimeri”. Le ultime 15 modifiche rimangono in memoria per poter essere applicate successivamente ad altre immagini con un solo click. Questa nuova funzionalità fa risparmiare tempo quando vogliamo intervenire velocemente su una serie di immagini simili durante una stessa sessione di lavoro. E permette di farlo senza dover aggiungere nuovi preset salvati in modo permanete quando non necessario.

Last edits
Pannello Last edits

Preset e punti di controllo

Se invece vogliamo salvare dei preset che non vengano eliminati a mano a mano che andiamo avanti con il lavoro dobbiamo cliccare su Save preset (in basso a destra). A quel punto (questa è un’altra novità), nella finestra di dialogo in cui scegliere il nome del preset da memorizzare, troveremo una spunta per decidere se salvare anche i punti di controllo creati.

Oggetti avanzati

L’utilizzo dei livelli avanzati è fondamentale per applicare i filtri della Nik Collection in maniera non distruttiva, mantenendo così il pieno controllo del flusso di lavoro. Ma quante volte vi è capitato di aver portato a termine una modifica, magari complessa, dimenticandovi di convertire il livello in oggetto avanzato prima di iniziare l’elaborazione? Nella Nik Collection 6 compare la spunta per salvare il livello di output come oggetto avanzato (prima di tornare a Photoshop). Una miglioria che ho veramente apprezzato.

Converti in oggetto avanzato - Salva preset
Converti in oggetto avanzato – Salva preset

Novità riguardanti le singole applicazioni

Oltre alle novità generali, ci sono aggiornamenti che riguardano le singole applicazioni.

Nik Color Efex

All’interno di Nik Color Efex troviamo il nuovo pannello HSL (Hue/Saturation/Luminance) per interventi mirati sul colore e sulla tonalità. Novità introdotta con la versione 6.

Nuovo strumento HSL all'interno di Nik Color Efex
Nuovo strumento HSL all’interno di Nik Color Efex. Il cielo, prima della variazione, era blu. Cliccando sull’immagine, per ingrandirla, noterete che sotto il colore oggetto della modifica (in questo caso il blu) compare un pallino bianco

Nik Dfine

L’interfaccia rinnovata si uniforma a quella delle altre applicazioni. Novità introdotte con la versione 6.

Nik Perspetcive

  • Implementazione dello strumento ReShape. Attivandolo compare un reticolo personalizzabile di linee verticali e orizzontali che, intersecandosi, originano dei nodi (maniglie). Per apportare modifiche si può agire sulla singola maniglia o su un gruppo
  • È possibile attivare guide personalizzabili per avere dei riferimenti durante le modifiche

Novità introdotte con la versione 6

Nik Sharpener

La nuova interfaccia si uniforma a quella delle altre applicazioni. Novità introdotte nella versione 6.3.

Nik HDR Efex

Completato l’aggiornamento dell’interfaccia e delle funzionalità. Novità introdotte nella versione 6.3.

Considerazioni finali

Le migliorie apportate alla Nik Collection 6 ne ottimizzano l’operatività. Le novità a livello di strumenti e di interfaccia utente velocizzano e semplificano il lavoro permettendo interventi più precisi e raffinati.

C’è poi l’immenso lavoro sul codice del software: la versione 6.3, rilasciata ad agosto 2023, costituisce una pietra miliare, un cerchio che si chiude. Il software, dopo sei anni dall’acquisizione da parte della DxO, è ora completamente riscritto in tutte le sue parti così da essere in grado di affrontare le sfide future con una struttura solida. Sfide fatte di aggiornamenti hardware e software sempre più frequenti, in un’epoca in cui mantenere la compatibilità è una battaglia continua

Prezzo e Download della versione di prova gratuita

Il costo della Nik Collection 6 è di 149€ (se non siete già in possesso di una licenza per la versione 4 o 5) oppure di 79€ in caso di aggiornamento. Il software è acquistabile direttamente dal sito della DxO.

È disponibile anche la versione in prova gratuita funzionante per un mese.

Nota sulle versioni della Nik Collection utilizzate

Le versioni della Nik Collection 6 e 6.3 utilizzate per scrivere l’articolo e realizzare il video sono versioni beta ricevute in prova dalla DxO Labs. Alcune parti dei programmi o dell’interfaccia potrebbero differire dalle versioni rilasciate ufficialmente.

CONDIVIDI

2 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il primo commento che inviate deve essere approvato prima che diventi visibile pubblicamente. Approvo e rispondo personalmente a ogni commento e cerco di farlo nel minor tempo possibile.

Link di affiliazione

All’interno degli articoli possono essere presenti link che portano ad amazon.it. Si tratta di link di affiliazione: se effettuate acquisti su amazon.it dopo aver cliccato su uno di questi link percepisco una piccola percentuale sui ricavi provenienti dai prodotti che avete acquistato. Il prezzo del/i prodotto/i che acquisterete resterà invariato.  L’uso dei link di affiliazione è un modo per supportare il mio lavoro e non grava minimamente sulle Vostre finanze.

ARTICOLI RECENTI