Panasonic Lumix S5 | Recensione

La Panasonic Lumix S5 è una fotocamera mirrorless full frame a ottiche intercambiabili con sensore stabilizzato da 24 megapixel. Il corpo macchina è stato presentato alla fine del 2020.

Panasonic Lumix S5

La Lumix S5 amplia l’offerta full frame di Panasonic affiancandosi ai tre modelli della serie 1: Lumix S1, S1R e S1H. La serie S1 ha contribuito a far etichettare la S5 come prodotto entry level anche se di entry non ha poi così tanto.

Dimensioni, design, ergonomia e comandi

Chi conosce la linea S1 saprà che le Lumix S – tra le mirrorless – non primeggiano per la portabilità. La Lumix S5 invece, pur mantenendo un sensore full frame, ha un corpo leggermente meno ingombrante anche della GH5 (che monta un sensore Micro4/3).

Dimensioni Lumix S5: (LxAxP): 132,6 x 97,1 x 81,9 mm circa (sporgenze escluse); peso: 714 g circa (1 scheda SD e batteria incluse).

Nonostante le dimensioni più compatte viene mantenuto un discreto grip per la mano destra e una quantità di comandi fisici abbondante.

Panasonic Lumix S5 retro

Le linee, rispetto alla serie 1, diventano più morbide; scompare il secondo LCD monocromatico superiore e la profondità del grip si riduce. Questo design va incontro a coloro che non apprezzavano le dimensioni imponenti delle S1. Inoltre, il display posteriore diventa totalmente articolato.

Mirino elettronico

Il mirino elettronico è piacevole da utilizzare anche per chi porta gli occhiali. A differenza della S1R manca la possibilità per rimpicciolire la dimensione dell’immagine visualizzata, ma la cosa non costituisce un problema. La risoluzione del mirino e del display potevano invece essere maggiori: visto il completo sistema di messa a fuoco offerto dalle Lumix uno sforzo in più in questo senso non avrebbe guastato. È comunque pienamente utilizzabile.

Batteria, ricarica, alimentazione

La Lumix S5 utilizza un nuovo modello di batterie, al momento impiegate solamente su questa fotocamera. Le nuove batterie sono retrocompatibili con alcuni modelli Micro4/3 come la GH5 e la G9 (grazie a una doppia serie di contatti) ma le vecchie batterie non possono essere impiegate sulla nuova full frame.

Il caricabatterie esterno è fornito a corredo e la porta USB-C permette anche la ricarica interna alla fotocamera. Inoltre, sempre tramite la porta USB-C, è possibile sia ricaricare la batteria sia alimentare la fotocamera durante l’uso.

Schede di memoria

La fotocamera ha il doppio slot di memoria, entrambi per schede SD, ma solo il primo supporta il bus UHS-II. Non si tratta di un reale problema perché la velocità del bus UHS-I è sufficiente per registrare video in tutti i formati che la fotocamera può salvare internamente e, anche nell’uso fotografico, sono pochi coloro che troveranno delle limitazioni reali visto che non è macchina orientata alla fotografia d’azione.

Panasonic Lumix S5 doppio slot

Connettori e connessioni

La dotazione di connettori è completa:

  • ingresso microfono
  • uscita cuffie
  • porta HDMI (piccola…)
  • porta USB-C
  • connettore per lo scatto remoto
  • Wi-Fi
  • Bluetooth

Interfaccia utente, touch screen e stabilizzazione

Touch

Il touch screen è simile a quello di uno smartphone e può essere usato non solo per operazioni come la selezione del punto di messa a fuoco, ma anche per navigare nei menu e per gestire la fotocamera.

Menu

Il menu e il Quick Menu in particolare sono stati ridisegnati. Rimangono pratici e abbastanza semplici da utilizzare anche per il non professionista. Si nota qualche differenza rispetto ai menu delle altre Lumix perché sono state introdotte alcune funzionalità nuove e ne sono state tolte o variate altre, ma la sostanza non è cambiata.

Quick Menu
Quick Menu

Le mirrorless hanno molte funzionalità e l’elettronica è molto presente di conseguenza i menu riflettono la complessità di questi sistemi. Quindi, per quanto semplificati e ben organizzati, i menu delle fotocamere digitali non possono essere troppo minimali. Quelli Panasonic comunque si navigano agevolmente.

Stabilizzatore

La stabilizzazione interna su 5 assi fornisce un grande aiuto per scattare a mano libera, anche con tempi lenti. Inoltre, utilizzando ottiche stabilizzate (compatibili) si attiva la modalità “DUAL” che combina la stabilizzazione interna e quella degli obiettivi permettendo di ottenere risultati ancora migliori.

Per la modalità video sono presenti altre due opzioni di stabilizzazione: quella elettronica e una modalità “boost”, quest’ultima adatta alle riprese senza movimenti di macchina.

Sensibilità ISO e rumore digitale

La Lumix S5 gestisce in modo ottimo il rumore digitale.

A ISO bassi i file sono pulitissimi e lo restano anche alzando la sensibilità di qualche stop, ma questo è un comportamento che ci si aspetta da una full frame con 24 megapixel. Dove le performance del sensore e dell’elettronica diventano interessanti è quando ci si spinge a sensibilità molto alte: dai test fatti in condizioni controllate potrei quasi azzardare che l’intero range ISO è utilizzabile. Gli scatti eseguiti in condizioni reali mostrano come i 12.800 ISO possono essere un’opzione valida per alcuni utilizzi.

Un risultato niente male, soprattutto se consideriamo che ho sviluppato i file RAW con Adobe Camera Raw (lasciando le impostazioni di default), software che ancora non brilla per la capacità di ridurre il rumore digitale.

Cliccare per ingrandire
Cliccare per ingrandire
Cliccare per ingrandire
Cliccare per ingrandire

Autofocus e messa a fuoco manuale

Autofocus

In ambito fotografico l’autofocus si è mostrato veloce e preciso e il comportamento è stato costante: scattando foto successive a uno stesso soggetto rimettendo a fuoco di volta in volta ho ottenuto sempre risutalti identici. Molto buona anche la capacità di focheggiare senza incertezze in luce scarsa.

Sono presenti varie modalità di messa a fuoco automatica compresa quella per il riconoscimento degli animali.

Messa a fuoco manuale

La messa a fuoco manuale sfrutta un’interfaccia che apprezzo molto (e che avevo già utilizzato quando possedevo la GH5): oltre a un focus peaking affidabile, è presente l’assistente di messa a fuoco. Quest’ultimo permette di ingrandire l’area selezionata ed è possibile impostare l’ingrandimento per piccoli passi.

Inoltre, in modalità manuale, compare sul display anche l’indicazione della scala delle distanze.

Messa a fuoco in video

L’AF continuo in ripresa video in modalità riconoscimento del volto e dell’occhio non l’ho utilizzato molto eccetto che per riprendermi. L’impressione che ho avuto è quella di un miglioramento rispetto ai modelli precedenti, ma non mi sentirei di parlarne ancora come di una questione risolta. Va detto che se da una parte il sistema DFD (Depth From Defocus) non è così solido e costante in AF-C in video, dall’altra quando aggancia la messa a fuoco risulta davvero accurata.

Qualità d’immagine

Ho provato la Panasonic Lumix S5 con l’ottica Lumix S 20-60 mm f/3.5-5.6, obiettivo che viene venduto anche in kit. Le immagini catturate sono dettagliate e i RAW ricchi di informazioni.

Sviluppando i file con Adobe Camera Raw ho riscontrato immagini neutre e ben lavorabili. Il bilanciamento automatico del bianco si è rivelato affidabile.

ritaglio al 100% - 60 mm, f/7.1, 1/400s, 200 ISO, mano libera
ritaglio al 100% – 60 mm, f/7.1, 1/400s, 200 ISO, mano libera
60 mm, f/7.1, 1/400s, 200 ISO, mano libera
60 mm, f/7.1, 1/400s, 200 ISO, mano libera

La mia idea è che 24 megapixel su un sensore full frame (35 mm) siano forse ancora il miglior compromesso offerto dalle tecnologie attuali. Il rumore viene gestito bene, i file sono lavorabili e le risorse richieste in termini di elaborazione e archiviazione sono ancora sostenibile anche da chi non lavora con la fotografia.

40 mm, f/7.1, 1/400 s, 400 ISO, mano libera
40 mm, f/7.1, 1/400 s, 400 ISO, mano libera
ritaglio al 100%: 40mm-f7.1-1-400s-400-iso-mano-libera-ritaglio-100x100
ritaglio al 100%: 40mm-f7.1-1-400s-400-iso-mano-libera-ritaglio-100×100

Obiettivo Lumix S 20-60 mm

Pur non avendo avuto modo di fare una recensione dedicata voglio parlare brevemente anche dell’obiettivo che ho utilizzato per i test.

Il Lumix S 20-60 mm è uno degli ultimi obiettivi per full frame prodotti da Panasonic. È uno zoom con apertura non costante ma dalle dimensioni compatte e, insieme alla S5, sembra voler attirare una fascia di pubblico in cerca di fotocamere e ottiche di qualità ma meno impegnative rispetto ai corpi della serie 1 e alle ottiche per full frame prodotte fino a questo momento.

Le scelta delle focali per me è veramente azzeccata: per l’uso che ne faccio il taglio 20-60 mm lo preferisco al classico 24-70 mm, sia in uso fotografico sia video.

La costruzione è solida e ben fatta e non ha nulla a che vedere con quella di un’ottica kit economica. Sul barilotto è presente il selettore per commutare la messa a fuoco tra AF e MF, selettore presente anche sul corpo macchina (AFS/AFC/MF), ma che può essere pratico trovare anche sull’obiettivo. Il paraluce a petalo è incluso.

Qualità d’immagine

Il Lumix S 20-60 mm è in circoalzione ormai da qualche mese quindi, nel momento in cui sono arrivato a provarlo, avevo già visto qualche recensione. Pur cercando di non farmi influenzare ho fatto i primi scatti un po’ prevenuto: avevo letto di performance non molto buone ai bordi. Invece, per lo meno diaframmando, non ho notato particolari perdite di qualità, per lo meno nell’uso reale.

Lumix S5 + Lumix S 20-60 mm (mano libera, conversione in BN in post)
Lumix S5 + Lumix S 20-60 mm (mano libera, conversione in BN in post)

Ripresa video

Se a livello fotografico le performance sono interessanti, il comparto video non è da meno. La Lumix S5 è una vera e propria fotocamera ibrida che si presta all’uso sia in ambito fotografico, sia video di alto livello.

Non starò a elencare tutti i formati che può produrre (potete trovarli sul sito ufficiale) ma il fatto che possa registrare internamente in 4K/24p, 10 bit 4:2:2 a 150 Mbps/s senza crop direi che non è male.

Inoltre, il profilo V-Log è già installato al momento dell’acquisto e senza maggiorazioni di prezzo.

Non vi basta?

L’uscita HDMI permette di registrare video in formato RAW su un registratore esterno, sono presenti la modalità anamorfica e il Waveform (sebbene sul piccolo display non sia molto utilizzabile).

È adatta a vloggare?

Una caratteristica sempre più richiesta alle fotocamere riguarda la possibilità di vloggare. Come si comporta la S5 sotto questo aspetto?

Lo schermo ribaltabile, l’ingresso per il microfono che non interferisce con i movimenti del display e lo stabilizzatore d’immagine danno già degli indizi. Nella videorecensione mostro il comportamento nell’uso reale, in ogni caso è ben utilizzabile per riprendersi, anche mentre si cammina. E non dimentichiamo che il 20-60 mm non è stabilizzato, quindi c’è un ulteriore margine di miglioramento.

Conclusioni: a chi consiglio la Lumix S5

Per quel che mi riguarda, Panasonic producendo la Lumix S5 ha fatto centro. Ha realizzato un corpo macchina adatto tanto all’amatore esperto quando al professionista. Una fotocamera che costa meno della S1, ma non per questo con caratteristiche drasticamente inferiori, anzi, volendo fare un paragone tra la S5 e la S1 sarebbe più corretto parlare di caratteristiche differenti, non necessariamente inferiori.

La S5 è un modello nuovo, sia a livello di concept sia come form factor, e aggiunge una valida alternativa per chi vuole entrare nel mondo full frame di Panasonic. E con questo non voglio dire che la Lumix S5 sia un modello di passaggio: non si tratta di una fotocamera che si compra aspettando di avere più denaro o più esperienza per passare alla serie 1, ma è sufficientemente solida per attrarre a sé un’utenza che non sentirà la necessità di cambiarla per un modello “superiore”.

Lumix S5 + Lumix S 20-60 mm
Lumix S5 + Lumix S 20-60 mm

La Lumix S5 è anche una macchina nuova che va a soddisfare le necessità di un pubblico di creativi e creatori di contenuti, senza per questo allontanarsi da quelle che sono le specifiche ricercate da fotografi o videomaker.

Generi per sfruttarla al meglio

La versatilità data dal tipo di sensore e dalle caratteristiche generali ne fanno uno strumento utilizzabile praticamente per tutti i generi. La Lumix S5 è adatta a tutti coloro che non praticano esclusivamente un genere specifico che necessiti di un corpo macchina specializzato. La qualità e la flessibilità dei file audio e video è tale da farne uno strumento idoneo ad affrontare la maggior parte delle situazioni che si possono trovare anche in ambito lavorativo.

Lumix S5 + Lumix S 20-60 mm
Lumix S5 + Lumix S 20-60 mm

La mia personalissima esperienza

Il mese in cui ho provato la Panasonic Lumix S5 è passato più in fretta del previsto: la pioggia battente quasi ininterrotta e la persistente zona arancione hanno complicato il tutto. L’avere già esperienza con fotocamere Lumix e la lettura pressoché integrale del manuale mi hanno comunque fatto procedere più speditamente nelle prove.

La sensazione iniziale che ho avuto riguardo un’ergonomia non ottimale per le mie mani si è mitigata nel tempo ma non è mai scomparsa del tutto. Si tratta di una sensazione personale, che non percepiranno necessariamente tutti, bisogna provare a tenerla in mano per capire.

Passando oltre l’approccio “fisico”, trovo sempre piacevole usare il sistema Lumix: l’ottima stabilizzazione permette – in molte situazioni – di scattare a mano libera e oltre i tempi di sicurezza. Il touch è pratico e preciso, i comandi fisici non mancano, la qualità dei file fotografici e video è alta e l’accoppiata con l’obiettivo 20-60 mm si è mostrata vincente.

Lumix S5 + Lumix S 20-60 mm
Lumix S5 + Lumix S 20-60 mm

Prezzo

Costa tanto? Poco? Troppo?

Alle prime due domande non posso dare una risposta oggettiva, dipende da quanto avete preventivato di investire in una fotocamera, mentre alla terza la risposta è più semplice.

Facendo riferimento al mercato attuale, il prezzo della Lumix S5 è in linea con quello delle fotocamere di fascia similare e forse offre anche qualcosa in più rispetto a modelli concorrenti che si attestano sulla stessa fascia di prezzo.

Prezzo aggiornato su Amazon:

La recensione e le videorecensioni della Lumix S5 sono state possibili grazie a Panasonic Italia che mi ha inviato in prova la fotocamera con l’obiettivo Lumix S 20-60 mm. Panasonic non ha fatto alcun tipo di pressione o richiesta sui contenuti pubblicati e non ha visto né i video né letto questo articolo prima della pubblicazione. Non ho ricevuto dall’Azienda né denaro né altre forme di compenso per i contenuti che ho pubblicato.

CONDIVIDI

Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE