DxO PureRaw rivoluzionerà lo sviluppo dei file RAW?

A poca distanza dal nuovo PhotoLab 4, DxO presenta PureRaw un software per la demosaicizzazione dei file RAW con un approccio nuovo.

DxO PureRaw è un programma essenziale pensato per fare bene una cosa e farla in modo semplice: aprire i file RAW, ridurre il rumore in fase di demosaicizzazione, correggere i difetti degli obiettivi e ottimizzare la loro resa. Tutto questo senza sostituire i software che normalmente impieghiamo nel nostro flusso di lavoro.

Come funziona DxO PureRaw

L’interfaccia è essenziale e il funzionamento elementare: si trascina un file RAW nella finestra, il programma estrapola dal RAW le informazioni relative all’obiettivo che è sato utilizzato per lo scatto, scarica i profili di correzione proprietari della DxO e, dopo la pressione del bottone “Process photos”, restituisce un file da continuare a postprodurre con il nostro editor preferito. Tutto con un solo click.

PureRaw analizza il file RAW e poi interviene su sette aspetti:

  • demosaicizzazione;
  • rumore digitale;
  • moiré;
  • distorsioni;
  • aberrazioni cromatiche;
  • vignettatura;
  • nitidezza.

Algoritmo di riduzione del rumore Deep Prime

Fiore all’occhiello dei software DxO è l’algoritmo Prime per la riduzione del rumore. Questo algoritmo è stato costantemente migliorato nel tempo fino a quando, in PhotoLab 4, ha cambiato nome diventando Deep Prime. Il cambio di nome vuole sottolieneare un miglioramento importante rispetto alla tecnologia precedente.

Interfaccia e controlli

L’interfaccia di PureRaw è minimale, una volta caricati i file e cliccato sul bottone per processarli si apre una finestra che chiede:

  • quale tipo di algoritmo di riduzione del rumore vogliamo utilizzare (HD, Prime, Deep Prime);
  • se vogliamo salvare un file DNG (RAW) o un JPG (JPEG);
  • la destinazione per il salvataggio dei file processati.
DxO PureRaw: impostazioni
DxO PureRaw: impostazioni

Dopo aver processato il/i file si apre una finestra con tre opzioni: aprire la cartella di destinazione del file, vedere i risultati (prima e dopo) all’interno di PureRaw o aprire il programma nel quale vogliamo continuare la postproduzione.

Dimostrazione pratica

Ho registrato un lungo video con la dimostrazione pratica e i test su alcuni file di esempio, lo trovate qui sotto.

Punti di forza

DxO ha pensato di realizzare un software che incorporasse le più potenti funzionalità di PhotoLab 4 senza però andare a sostituirsi ai programmi più utilizzati da molti fotografi, in particolare a Lightroom e Photoshop. PureRaw è infatti una sorta di applicazione per “pre-sviluppare” i RAW da lavorare poi con altri software.

L’altro aspetto su cui ha puntato DxO è la semplicità: un software senza alcun tipo di controllo in cui basta schiacciare un bottone e aspettare per avere il file pronto da elaborare.

Punti di debolezza

L’estrema semplicità del software è però, a mio parere, anche il suo punto debole. Va bene l’intelligenza artificiale, ma almeno l’opzione per regolare minimamente gli interventi di riduzione del rumore e di ottimizzazione della nitidezza secondo me sarebbe necessaria.

Ogni file è uno sviluppo a sé quindi non si posso fare osservazioni troppo generiche ma, per il mio modo di lavorare, spesso la riduzione del rumore e l’applicazione della nitidezza sono leggermente eccessive (test effettuato sulla prima versione del programma) e non avendo controlli non si può intervenire in alcun modo sull’intensità dell’applicazione. Mi auguro che nelle prossime versioni venga apportata qualche modifica in questo senso.

Non mi dilungo troppo, ho trattato in modo più ampio la questione nel video.

Prezzo e versione di prova

Il prezzo è di 129 euro, ovvero lo stesso prezzo della versione base di PhotoLab 4. La versione base di PhotoLab però non incorpora l’algoritmo Deep Prime.

Potete scaricare la versione di prova gratuita, completamente funzionante per 30 gg., a questo indirizzo e valutare in prima persona se questo software può fare al caso vostro.

CONDIVIDI

Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE