Panasonic Leica 12 mm f/1.4 (Recensione)

5 Novembre 2020 - Categoria: Attrezzatura - Obiettivi

L’obiettivo Panasonic Leica 12 mm f/1.4 è un grandangolare luminoso per il formato micro4/3. Corrisponde a un 24 mm sul formato full frame (come angolo di campo) ed è una delle ottiche nate dalla collaborazione fra Panasonic e Leica.

Leica 12 mm DG Summilux f/1.4 Asph.
Leica 12 mm DG Summilux f/1.4 Asph.

Dotazione a corredo

Il Leica DG Summilux 12 mm f/1.4 ASPH. viene venduto corredato di:

  • tappi (anteriore e posteriore)
  • paraluce in metallo
  • sacca morbida per il trasporto

Dimensioni, design, peso, comandi

L’ottica è costruita interamente in metallo e all’interno sono presenti 15 lenti: tutto sommato i 335 g non sono poi così tanti seppur si tratti di un obiettivo grandangolare per il micro4/3. In ogni caso, durante l’utilizzo le dimensioni (70 x 70 mm, diametro dei filtri 62 mm) e il peso non sono un problema, anzi, l’ho trovato maneggevole.

La costruizione solida, unita alla resistenza a polvere e spruzzi: ne fanno un’ottica pensata per un uso anche in condizioni difficili.

Ghiera dei diaframmi

Sul barilotto troviamo la ghiera per la selezione manuale il valore del diaframma: dalla luminosità massima di f/1.4 raggiunge l’apertura minima di f/16 con un leggero click ogni terzo di stop. Se sulla ghiera impostiamo la posizione “A” il controllo dell’apertura non è più manuale ma la selezione avviene attraverso il corpo macchina.

La ghiera dei diaframmi è però compatibile solo con i corpi Panasonic Lumix: se il Leica 12 mm viene montato su un corpo Olympus la selezione dell’apertura può essere effettuata solamente dalla fotocamera.

Leica 12mm f/1.4 - Ghiera dei diaframmi e della messa a fuoco
Leica 12mm f/1.4 – Ghiera dei diaframmi e della messa a fuoco

Messa a fuoco

Sul barilotto è presente il selettore della messa a fuoco (automatica-AF o manuale-MF).

La focheggiatura manuale, nella maggior parte delle ottiche moderne, sfrutta il motore dell’autofocus quindi non è una messa a fuoco manuale vera e propria ma il meccanismo è realizzato bene: la ghiera sufficientemente frenata e abbastanza ampia restituisce un feedback più che buono.

La focheggiatura è interna, le dimensioni dell’ottica non cambiano e la lente frontale non ruota durante la messa a fuoco: utile se si impiegano filtri polarizzatori. Manca la scala delle distanze e della profondità di campo, indicazioni ormai sempre più rara.

Qualità d’immagine

Quando siamo di fronte a un’ottica così luminosa viene spontaneo chiedersi come si comporta alla massima apertura: inizierò perciò a parlare di nitidezza. Poi passerò a distorsione, aberrazioni cromatiche, vignettatura e resistenza ai riflessi.

Immagine di riferimento - Leica 12 mm, Lumix GX880
Immagine di riferimento – Leica 12 mm, Lumix GX880

Nitidezza

Da un Panasonic Leica non mi aspettavo niente di meno che poterlo usare con buoni risultati già a tutta apertura e le mie aspettative non sono state deluse.

A f/1.4 la resa al centro è già buona, migliora chiudendo di uno stop, e raggiunge i picchi di nitidezza ai diaframmi compresi fra f/4 e f/5.6. A f/8 e f/11 è tranquillamente utilizzabile, nonostante la diminuzione della resa dovuta alla diffrazione. f/16 è l’unico diaframma che consiglio di evitare.

Ai bordi la questione è leggermente differente: a nessun diaframma la resa è al livello di quella al centro del fotogramma. Nulla di cui stupirsi comunque, è un comportamento del tutto normale per la maggior parte degli obiettivi, fatta eccezione per i macro. A f/1.4 la disparità centro bordi è maggiormente evidente ma si livella a mano a mano che ci si avvicina ai diaframmi centrali.

Distorsione

La distorsione è controllata bene: non dimentichiamo che abbiamo a che fare con un 12 mm, un grandangolare abbastanza spinto. In ogni caso, i JPEG vengono corretti in camera e all’interno dei file RAW vengono inseriti profili di correzione quindi le poche distorsioni sono corrette automaticamente.

Distorsione non corretta (sopra) e corretta (sotto)

Aberrazioni cromatiche

Le aberrazioni cromatiche sono più o meno sempre presenti ma, al pari delle distorsioni, vengono facilmente eliminate via software.

Vignettatura

A tutta apertura è presente una discreta vignettatura, diminuisce molto a f/2 e a f/2.8 è già difficile da notare: altro difetto che si risolve facilmente al momento dello sviluppo del file.

Resistenza ai riflessi

I riflessi sono forse il tallone d’Achille del Leica 12 mm, per lo meno quando fotografiamo in controluce diretto: a seconda dell’angolazione rispetto alla fonte luminosa può manifestarsi un ghosting abbastanza evidente e un effetto arcobaleno non proprio gradevole. Un peccato perché la “stellina” sarebbe molto definita, ma i riflessi multicolore la penalizzano.

Leica 12 mm @f/13 - Jpeg diretto Lumix GX880
Leica 12 mm @f/13 – Jpeg diretto Lumix GX880

Generi principali

Un grandangolare molto luminoso è adatto alla fotografia in luce scarsa, in particolare al reportage e alla street. La mancanza della scala delle distanze può essere in parte sopperita dai controlli elettronici e dai settaggi nel menu.

Adatta anche per paesaggio e per architettura visto che le distorsioni sono estremamente contenute, l’elevata nitidezza e che chiudendo il diaframma anche la resa ai bordi è più che buona.

Infine, può essere utilizzato per scatti d’effetto: lo sfocato è gradevole e la separazione dei piani è possibile grazie alla grande apertura. Per riuscire a ottenere uno sfocato evidente consiglio di posizionare i soggetti vicini, meglio se alla minima distanza di fuoco (20 cm circa).

Leica 12 mm @f/1.4 - Jpeg diretto Lumix GX880
Leica 12 mm @f/1.4 – Jpeg diretto Lumix GX880

Esperienza d’uso

Dalla collaborazione tra Leica e Panasonic sono nate ottime lenti, nulla da ridire sulla costruzione, sui materiali e sulla piacevolezza d’uso. Tolto qualche riflesso di troppo in certe situazioni l’unico aspetto che mi farebbe ponderare bene l’acquisto è il prezzo. Prezzo che non è alto in assoluto, nel senso che gli obiettivi buoni costano sempre, ma di sicuro non è indifferente.

Detto questo: produce immagini di qualità elevata, è robusto e ben costruito, è luminoso e la messa a fuoco manuale, pur essendo di tipo by wire, ha un’emulazione più credibile di molte delle lenti che impiegano questa tecnologia. Aggiungiamo che il 24 mm è forse una delle mie focali preferite: non poteva non piacermi.

A chi consiglio il Leica 12 mm f/1.4

È arrivato il paragrafo dell’oggettività, quello in cui tiro le somme cercando di non farmi influenzare dalle preferenze personali.

Per il formato micro4/3 esistono solamente due focali 12 mm autofocus proposte dai marchi appartenenti al consorzio (Panasonic e Olympus). Il diretto concorrente del Leica 12 mm f/1.4 (prezzo su Amazon.it) è l’Olympus 12 mm f/2 (prezzo su Amazon.it) che è uno stop meno luminoso, non è “tropicalizzato”, ha prestazioni ai bordi leggermente inferiori (mi sono basato su un test che reputo affidabile ma non l’ho mai provato) ma costa la metà.

Quindi, a parte la preferenza per un certo tipo di design, i motivi per spendere di più per acquistare il Leica sono fondamentalmente la necessità di quello stop in più di luminosità, una maggiore resistenza all’uso in ambienti difficili e qualche punto in più nella resa ai bordi. Se per voi sono motivi sufficienti, il Leica 12 mm non vi deluderà; in caso contrario avete l’alternativa servita, senza dovervi scervellare troppo in lunghi raffronti.

Condividi


Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami di