Olympus M.Zuiko 9-18 mm f/4-5,6

12 settembre 2016 - Categoria: Attrezzatura

Olympus M.Zuiko 9-18 mm f/4-5,6

Olympus M.Zuiko 9-18 mm f/4-5,6

 

L’ Olympus M.Zuiko 9-18 mm (18-36 mm “equivalenti” su full frame) f/4-5,6 è uno zoom grandangolare per il formato micro 4/3.

L’idea iniziale era di scrivere un articolo dettagliato con esempi e test ma credo che non ne valga la pena.
Ok, dicendo così sembra che l’obiettivo sia una schifezza e leggere il resto dell’articolo inutile, ma andando avanti tutto sarà più chiaro.

L’Olympus 9-18 mm è un’ottica di difficile collocazione, il prezzo non è economico (clicca qui per il prezzo su Amazon.it), soprattutto per un obiettivo m4/3 nemmeno troppo luminoso, ma ha due caratteristiche che lo rendono interessante:

  • si tratta dell’unico zoom grandangolare attualmente disponibile nel parco ottiche Olympus m4/3 che copra questo range di focali a meno di non passare a un obiettivo professionale più performante ma ben più costoso, l’Olympus 7-14/2,8 pro. Quest’ultimo tra l’altro ha una copertura di focali parzialmente diversa;
  • è veramente leggero e compatto.

Dicendo che non valeva la pena scrivere un articolo tecnico con molti test mi riferivo al fatto che non ci sono alternative valide brandizzate Olympus senza voler passare al modello professionale, che offre qualcosa in più sul grandangolare estremo ma perde la classica focale 35 mm.

A livello di performance, quello che ho riscontrato nella mia esperienza d’uso è che si tratta di un obiettivo abbastanza nitido al centro con una perdita di qualità ai bordi nella norma per la classe dell’ottica.
La resistenza al flare è buona; le aberrazioni cromatiche sono presenti ma nella maggior parte delle situazioni sono eliminabili in modo soddisfacente in post-produzione o dal trattamento automatico in macchina per i jpeg diretti.

Pubblicherò solo un test della resa centro-bordi e della correzione delle aberrazioni cromatiche nella condizione più problematica, ovvero a tutta apertura (f/4) alla focale più grandangolare (9 mm). I test sono stati eseguiti su cavalletto, disabilitando lo stabilizzatore d’immagine, messa a fuoco automatica al centro, scatto temporizzato con ritardo di 2 secondi.
Per sviluppare i raw ho usato DxO OpticsPro che permette di bypassare le correzioni ottiche preimpostate nei raw Olympus. Per il test centro bordi nessuna correzione è stata applicata. Per il test della rimozione delle aberrazioni cromatiche solamente il comando per la rimozione di queste ultime. Alle immagini non è stata aggiunta nitidezza o altro. Le immagini sono ritagli al 100%.

Olympus M.Zuiko 9-18 mm resa bordi (img sx) - centro (img dx) (AC non corrette)

Olympus M.Zuiko 9-18 mm resa bordi (img sx) – centro (img dx) (AC non corrette)

Olympus M.Zuiko 9-18 mm correzione aberrazioni cromatiche

Olympus M.Zuiko 9-18 mm correzione aberrazioni cromatiche

Olympus M.Zuiko 9-18 mm resa bordi (img sx) - centro (img dx) (AC corrette)

Olympus M.Zuiko 9-18 mm resa bordi (img sx) – centro (img dx) (AC corrette)

 

Conclusione

Il vero neo che trovo nell’Olympus 9-18 è il prezzo. Resta apprezzabile il lavoro fatto dai progettisti per ottenere buone performance, un interessante range di focali, leggerezza, compattezza e tutto sommato buona qualità d’immagine, ma resta pur sempre un’ottica consumer.

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami di