Manfrotto Pixi Evo: mini treppiedi (recensione)

22 settembre 2018 - Categoria: Attrezzatura

Manfrotto Pixi Evo
Manfrotto Pixi Evo

Sto utilizzando il mini treppiedi Manfrotto Pixi Evo da alcuni mesi, in sostituzione del precedente Reporter Pro-Line 01197. Fra i due supporti non ci sono paragoni: il Pixi è superiore per materiali, costruzione e praticità d’uso.

Il modello Evo è il mini treppiedi più robusto della serie Pixi. Lo uso principalmente per sostenere la Panasonic GH5, l’Olympus 12-40 mm PRO e il microfono Røde Video Mic Pro.

Ma vediamo quali sono le sue caratteristiche.

Caratteristiche Manfrotto Pixi Evo

  • Altezza massima: 20 cm
  • Altezza minima: 10,5 cm
  • Altezza da chiuso: 23 cm
  • Peso: 250 g
  • Carico massimo (con la fotocamera in posizione orizzontale): 2,5 kg
  • Sezioni: 2
  • Posizioni apertura: 2

Esperienza d’uso

Il Pixi Evo è pratico e veloce da utilizzare. La piccola testa a sfera si sblocca agendo sulla manopola con il logo Manfrotto: questo meccanismo permette di posizionare velocemente la fotocamera come si desidera.
La piastra con la filettatura può essere inclinata di 90° per comporre inquadrature verticali, ma così facendo la capacità massima di carico diminuisce.

L’apertura angolare delle gambe è regolabile su due posizioni, agendo su una leva per selezionare l’una o l’altra.
L’allungamento delle sezioni può essere invece variato su 5 step: la regolazione di ogni sezione è indipendente dalle altre.

Conclusioni

Il prezzo (su Amazon è spesso scontato) di questo mini treppiedi lo trovo in linea con le caratteristiche e con l’utilità che (almeno per me) ha.
Pur essendo leggero mantiene una buona stabilità ed è sufficientemente compatto da trovare posto in uno zaino praticamente già pieno.
Ricordiamoci però che si tratta di un mini treppiedi: anche se la costruzione è di buona qualità va usato per lo scopo per cui è pensato e non come un sostituto di un treppiedi “normale”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami di