DxO PhotoLab 3.2: aggiornamenti minimi ma interessanti

19 Marzo 2020 - Categoria: Software

PhotoLab 3.2 è appena stato rilasciato. Nell’ultimo articolo del blog ho parlato proprio delle principali novità introdotte con la versione 3 e questo piccolo aggiornamento va ad affinare alcuni strumenti ancora un po’ “grezzi”.

Gli update riguardano quattro aspetti del programma:

  • correzione di bug
  • supporto per nuovi modelli di fotocamere
  • miglioramenti nella sezione catalogo
  • affinamento di strumenti e funzionalità

Nuove fotocamere supportate in PhotoLab 3.2

I software DxO sono sempre stati abbastanza rapidi nell’implementare il supporto per le nuove fotocamere: quelle aggiunte a PhotoLab 3.2 sono la:

Miglioramento di strumenti e funzionalità

Nell’articolo e nel video usciti pochi giorni fa avevo parlato delle nuove funzionalità di PhotoLab 3 e avevo sottolineato che sotto certi aspetti erano ancora un po’ acerbe. DxO, nemmeno mi avesse ascoltato, ha affinato proprio alcuni di quegli aspetti.

Anche questa volta, per una dimostrazione visiva delle novità, rimando al video che ho caricato su YouTube: nel testo che segue mi limiterò a una descrizione.

VIDEO: PhotoLab 3.2: piccoli aggiornamenti
VIDEO: PhotoLab 3.2: piccoli aggiornamenti

Gli strumenti che hanno beneficiato dell’update sono il repair/clone tool e il sistema di mascheratura delle regolazioni locali (Local Adjustments).

Cambiamenti nel repair/clone tool

Nelle versioni precedenti a PhotoLab 3.2 l’area di destinazione dell’intervento e quella di origine venivano indicate con una mascheratura colorata che non aiutava nell’individuare l’effettiva area d’intervento: ora le aree su cui si sta agendo sono trasparenti, delimitate da un sottile linea perimetrale.

PhotoLab 3.2: repair/clone tool
PhotoLab 3.2: repair/clone tool

Local Adjustments e operazioni sui livelli

Con la nuova versione è possibile duplicare le maschere di correzione e spostare sia le maschere create tramite il pennello auto mask, sia quelle realizzate con il pennello brush. Nel video mostro come fare.
Inoltre, ora è anche possibile rinominare i singoli livelli elencati nella palette Local Adjustments.

Come ho detto in quasi tutti gli articoli riguardanti i software DxO, il lavoro dei progettisti del programma è continuo e la direzione è quella di offrire un software equivalente a Lightroom, Capture One e simili. Sotto alcuni aspetti PhotoLab 3 non ha nulla da invidiare alla concorrenza, allo stesso tempo però si porta dietro ancora qualche zavorra del lontano passato quando non era ancora arrivato a competere nel campionato dei professionisti.

Condividi


Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami di