Focus breathing: cos’è e quali problemi può creare

27 maggio 2018 - Categoria: Tecnica

Il focus breathing è il fenomeno che si presenta come un’apparente variazione della lunghezza focale (effetto zoom) di un obiettivo nel momento in cui variamo la distanza di fuoco. Si può verificare sia con ottiche zoom sia con lenti fisse (prime).

 

Il focus breathing nella pratica

Vi sarà sicuramente capitato di inquadrare una scena e di cambiare il punto di fuoco (avvicinandolo o allontanandolo) e probabilmente avrete notato che la porzione della scena inquadrata cambia al variare della focheggiatura, come se insieme alla ghiera della messa a fuoco venisse azionata quella dello zoom (anche utilizzando ottiche a focale fissa prive di tale ghiera). Ciò è dovuto al focus breathing.

Il video seguente da 3:13 a 3:29 è più che eloquente:

 

Questo avviene perché la lunghezza focale nominale di un’ottica (quella stampata sul barilotto) è realistica solo quando la focheggiatura è impostata su infinito (∞): al variare della distanza della messa a fuoco tale lunghezza può non rimanere costante. Tale variazione può essere minima o accentuata.

 

Problemi legati al focus breathing

Per molti il focus breathing non sarà percepito come un problema, anzi, prima di averne sentito parlare magari non gli avevano dato peso. Nella maggior parte delle situazioni non è in effetti qualcosa di cui ci si deve preoccupare. Può diventare invece rilevante in ambiti scientifici o specialistici, per esempio utilizzando la tecnica del focus stacking (soprattutto fotografando a distanza ravvicinata) o, in ambito video, durante il racking focus (cambio di fuoco durante una ripresa).

 

Focus breathing e racking focus

Con racking focus si intende la tecnica di cambiare il fuoco durante una ripresa video. Tale tecnica può essere utilizzata, per esempio, per spostare l’attenzione da un soggetto a un altro. Un focus breathing accentuato che produce un “effetto zoom” molto evidente può distrarre dall’uso narrativo e comunicativo per cui il cambio di fuoco viene utilizzato. Ottiche cinematografiche di fascia alta hanno un focus breathing nullo o pressoché impercettibile.

 

 

Focus breathing e focus stacking

Il focus stacking è una tecnica utilizzata per aumentare la profondità di campo nitido. Si eseguono più scatti di una scena o di un soggetto con la stessa inquadratura ma focheggiando in punti differenti. In postproduzione si ricombinano poi gli scatti “selezionando” da ognuno le parti a fuoco. Questa tecnica viene usata soprattutto in macrofotografia o in fotografia a distanza ravvicinata.
Un obiettivo con un focus breathing pronunciato può complicare la fase di ricombinazione delle immagini perché l’angolo di campo e il rapporto di ingrandimento fra un fotogramma e l’altro non saranno più gli stessi. Alcuni software sono però in grado di ridimensionare gli scatti in modo da renderli omogenei per rendere possibile il riallineamento e la giunzione.

 

Conclusione

Fatta eccezione per alcune ottiche cinematografiche particolarmente costose, quasi tutte le ottiche fotografiche (fisse o zoom, economiche o di fascia alta che siano) presentano il focus breathing. In ogni caso, nella maggior parte delle situazioni, non è causa di problemi reali.

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami di