Batterie non originali: quali acquistare?

21 gennaio 2017 - Categoria: Attrezzatura

Lo sviluppo tecnologico è costante in tutti i settori e quello delle fotocamere non fa eccezione. I corpi macchina sono sempre più sofisticati, i software sempre più “intelligenti”, vengono introdotte nuove funzionalità e quelle già esistenti migliorate, ma tutto ciò si traduce anche in maggiori costi energetici.
Le fotocamere prodotte negli ultimi anni, in particolare le mirrorless, hanno un consumo abbastanza elevato. La durata della batteria dipende sì dall’utilizzo specifico, ma un uso massiccio dello schermo (non dimentichiamo comunque che spesso anche il mirino è elettronico) o funzioni come il pre-focus e l’autofocus continuo, lo stabilizzatore d’immagine, lo scatto continuo ad alta velocità… assorbono molta energia.

Alcune persone mi dicono che per loro la durata della batteria non è un problema perché in una giornata non si avvicinano nemmeno ai 200 scatti e non fanno riprese video, ma chi invece ha necessità differenti si sarà scontrato con i prezzi delle batterie originali.
Negli anni, le uniche batterie originali che ho acquistato sono state quelle Canon: mi capitò un’ottima offerta e la mia fotocamera non aveva troppe “funzionalità-vampiro” quindi non necessitavo di particolari scorte. Sono rimasto un po’ a corto di carica solo fotografando a temperature sotto lo zero, ma parliamo di circostanze particolari.

 

 Quali batterie non originali uso

Dopo un paio di tentativi con brand che non mi hanno soddisfatto molto, ho trovato un ottimo rapporto qualità/prezzo con i prodotti PATONA. In particolare con la serie Premium.
Le batterie Patona Premium sono normalmente più performanti delle originali e non ho percepito differenze in termini di durata della carica e di durata nel tempo.

 

 Caricabatteria

Per quanto riguarda il caricabatteria consiglio vivamente di comprare il caricabatteria dedicato Patona. La mia esperienza si basa principalmente su Olympus e il caricabatterie originale della OM-D E-M10 ha dei tempi di carica lunghi… ma veramente lunghi… e con le batterie Patona Premium che sono leggermente più performanti delle originali si dilatano ulteriormente.

Per avere un’idea dei prezzi segnalo un po’ di link Amazon relativi alle batterie non originali Patona che ho provato in prima persona:
Batteria Patona Premium BLS-5 per Olympus Om-D E-M10 (e per altre fotocamere Olympus m4/3). L’offerta più conveniente è quella che comprende due batterie e si trova a questo link oppure quella che comprende 1 batteria + caricabatterie 2in1 che trovate qui.

Per la Panasonic Lumix GH5 serve invece il modello DMW-BLF19, che è lo stesso usato dalle precedenti GH3 e GH4. Il kit che ho acquistato è quello che comprende due batterie con il caricabatteria.

 

Kit Patona (2 batterie non originali + caricabatterie) per Panasonic GH5.

Kit Patona (2 batterie non originali + caricabatterie) per Panasonic GH5.

 

 

Video: Batterie non originali per fotocamere: ecco quali ho scelto

Video: Batterie non originali per fotocamere: ecco quali ho scelto.

 

 

Come trasportare le batterie

Avendo molte batterie, per trasportarle e tenerle in ordine ho acquistato alcune custodie della Neewer. Si trovano con finiture di colori differenti, il che è utile se possedete fotocamere alimentate da modelli diversi. Ogni custodia può contenere fino a 4 batterie dei modelli più diffusi.

 

Neewer, custodia per batterie (18x10 cm).

Neewer, custodia per batterie (18×10 cm).

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Avvisami di